La fabbricazione del Marsiglia - Il Sapone di Marsiglia

La fabbricazione del Marsiglia 

La produzione del vero sapone di Marsiglia richiede numerosi passaggi e molti giorni di lavorazione. La Savonnerie Le Serail è l'unico laboratorio che ancora oggi lo produce completamente con il metodo tradizionale.
Vediamo le varie fasi di lavorazione:

 

1: La prima cotturacaldaia_cottura_1.jpg
L'olio vegetale viene immesso nella grande caldaia dove viene mescolato con la sostanza alcalina e il cloruro di sodio (sale da cucina), e portato ad ebollizione. Il riscaldamento della caldaia avviene tramite vapore che scorre all'interno di una serpentina posta sul fondo della caldaia.
Per reazione chimica, l'olio viene trasformato in pasta e il sale la purifica. Questa operazione dura all'incirca 8 ore.

2: La cottura e il lavaggio
La cottura consiste nel riportare a ebollizione la pasta di sapone per circa 4 ore, alla temperatura di 100 gradi. Cominciano allora tutta una serie di lavaggi della pasta di sapone, spargendo sopra la caldaia dell'acqua salata. Questa, essendo più pesante della pasta, scende sul fondo della caldaia portando con sé tutte le impurità. Durante questa fase, il Maestro Saponiere presta la massima attenzione in quanto la pasta bollente potrebbe facilmente tracimare dal contenitore. Questo è il momento in cui, con una lunga pala, mescola la superficie della pasta per riportarla a livello.
cottura_assaggio_2.jpgAlla fine del processo, il Maestro Saponiere verifica la qualità assaggiando con la lingua una goccia di sapone. Se risulta dolce, si può passare alla fase successiva, altrimenti si continua con i lavaggi fino ad ottenere il risultato ottimale.
Al termine della cottura,  la caldaia viene coperta e la pasta viene lasciata raffreddare per 36 ore.

 

 

3: La colata nelle vaschecolaggio_2.jpg
Quando la pasta ha riposato per il tempo dovuto, i saponieri si attivano al piano inferiore, e preparano le vasche di colatura che verranno riempite in funzione del quantitativo di sapone ordinato dai Clienti.
Le vasche vengono sigillate con strisce di carta, e all'interno di esse viene colata la pasta ancora calda (a circa 60 °C), prelevandola dal fondo delle caldaie tramite delle apposite condutture (canali).
colaggio_3.jpgDurante la colatura, la pasta viene filtrata in modo da eliminare eventuali impurità ancora presenti. Alla fine dell'operazione, il saponiere livella la pasta all'interno della vasca, per uniformare lo spessore.
Il sapone si solidifica e asciuga lentamente in circa 48 ore.

 


 

 

4: Il tagliotaglio_cubi_1.jpg
Con l'ausilio di un compasso e una riga, la superficie della colata viene segnata e successivamente tagliata in modo da produrre una serie di parallelepipedi dal peso di circa 40 kg ciascuno.
Questi parallelepipedi poi verranno posti sulla macchina da taglio, composta da fili di acciaio tesi, che formeranno i tradizionali cubi e barre.

 

5: L'essiccazione
essiccatura_1.jpgI cubi e le barre vengono poste delicatamente ad asciugare su apposite rastrelliere, lasciando lo spazio tra i vari pezzi per consentire una uniforme asciugatura, che si protrarrà per circa 15 giorni.
Questi carrelli vengono posizionati in direzione del vento di Mistral, ottenendo una asciugatura di circa 1 cm di spessore della saponetta.

 

6: Lo stampaggiostampa_cubi.jpg
L'ultima operazione consiste nello stampaggio delle saponette prima dell'immissione sul mercato.
Con un gesto meccanico e regolare, il saponiere mette all'interno della macchina da stampa una saponetta alla volta, che imprimerà sui lati  i vari simboli e marchi.

Produttori

I più venduti

PayPal